Molti genitori si chiedono come parlare di terrorismo ai figli

Pubblicato il

scacchiera

Una mamma che segue la pagina Facebook mi ha scritto chiedendomi se parlare di terrorismo a suo figlio e cosa dirgli in merito agli ultimi attacchi: “E’ meglio non dire nulla o è giusto parlargliene? Ma cosa dirgli? E, soprattutto, come dirglielo?”

Berlino, Nizza, Monaco, Parigi, Bruxelles, per citare alcuni episodi recenti… Moltissimi genitori si trovano di fronte al dubbio se raccontare e spiegare ai figli ciò che sta succedendo oggi. Si chiedono come farlo nel modo migliore e a quale età sia bene spiegare la situazione.

Certamente, lo scenario attuale è estremamente complesso. Quindi bisogna valutare cosa poter raccontare ai propri figli per aiutarli a capire la situazione ma senza farli spaventare. E sicuramente fare finta di niente e che non sia successo nulla non è la strategia adatta.

Coi bambini è meglio essere sinceri: raccontare loro una bugia e dipingere una situazione “tutta rosa” significa isolarlo dal mondo, nel quale c’è il bene ma anche il male. Ricordiamoci che i bambini ascoltano moltissime storie intrise di lotte tra il Bene e il Male. Lotte che, dopo tutto, i bambini conoscono e di cui colgono la complessità.

Quando vogliamo affrontare l’argomento “terrorismo”, in primo luogo dobbiamo tenere a mente che bambini e ragazzi “sentono” e percepiscono i nostri stati d’animo e le nostre emozioni. Quindi, per prima cosa, è bene cercare sempre di essere tranquilli e testimoniare fiducia e speranza. Tranquillizandoci, aiuteremo anche loro.

Il secondo punto fondamentale da tenere sempre a mente è il fatto che ogni bambino è a sé: ogni bambino ha una propria storia e quindi ognuno ha una sensibilità, un grado di maturazione e un livello di sviluppo emotivo personali. Ci sono bambini che non pongono nessuna domanda, mentre altri genitori potrebbero essere stati “travolti” da una raffica di domande cariche di angoscia e spesso dirette e schiette: “Ma i terroristi chi sono?”, “Perché uccidono le persone?”, “Possono venire anche qui?”, “Possono uccidere anche noi?”. Domande spiazzanti e cariche di preoccupazione che forse alcuni genitori in questo momento storico temono di sentirsi porre dai propri figli.

Di seguito, provo a riassumere delle indicazioni di massima, che non sono da applicare “alla lettera” ma da adattare al bambino che abbiamo di fronte.

Innanzi tutto possiamo a grandi linee distinguere tre macro-fasce in base all’età del bambino: fino ai 5 anni, dai 6 ai 10 anni e dagli 11 ai 13 anni.

Ovviamente a nessuno fa piacere ascoltare notizie tragiche e sarebbe meglio che i bambini più piccoli non avessero accesso a questo tipo di informazioni. Però talvolta accade che i genitori parlino delle notizie o guardino i telegiornali in presenza dei figli più piccoli, pensando che non ascoltino o non capiscano quanto viene detto. Purtroppo non è così: i bambini ascoltano sempre, si pongono domande e, inoltre, cercano di spiegarsi ciò che non capiscono. Per questo motivo, è importante dire qualcosa al bambino nel caso in cui dovesse sentire questo tipo di notizie. Il modo migliore per far loro capire ciò che sta accadendo senza spaventarli è far riferimento a qualcosa che conoscono, come per esempio le favole. Si potrebbe per esempio dire loro che, proprio come nelle favole che leggono con mamma e papà, anche nel mondo ci sono i cattivi ma che i buoni faranno il possibile per sconfiggerli e metterli in prigione. Potrebbe essere utile (e talvolta necessario) accogliere fisicamente i bambini: prenderli in braccio e far sentire loro la nostra presenza.

Ricordiamo che è fondamentale ascoltarli e accogliere le loro paure, rassicurandoli. Con bambini così piccoli potrebbe essere utile far disegnare la paura, magari insieme al genitore che si premurerà di inserire elementi di colore chiaro, multi-colori e “belli”.

Un po’ diversa è la situazione per quanto riguarda i bambini dai 6 fino ai 10 anni: è giusto che siano informati su quanto sta accadendo, anche perché a scuola ne sentiranno parlare, ma contemporaneamente è necessario proteggerli e rassicurarli in merito al fatto che gli adulti stanno affrontando il problema e stanno cercando di risolverlo.

Un concetto importante da spiegare è che non si tratta di una “guerra”, ma di “terrorismo”. I bambini fin da piccoli imparano il concetto di “guerra”: giocano alla guerra e il loro fine è quello di vincere. È bene sfruttare queste conoscenze spiegando per differenza il concetto di terrorismo: ovviamente non è necessario scendere nei dettagli ma è sufficiente dire loro che i terroristi sono un gruppo di poche persone che hanno deciso di colpire a caso facendo esplodere bombe in tutto il mondo. Per questo tutte le Nazioni, i capi di Stato e la polizia si stanno organizzando per affrontarli e fermarli. Teniamo sempre a mente che quanto più un bambino è piccolo, tanto più avrà bisogno di essere rassicurato sul fatto che il male e i cattivi verranno sconfitti prima o poi. A questa età per combattere la paura è necessario parlarne.

È importante tenere sempre a mente che viviamo in una società multiculturale e quindi bisogna stare attenti a non demonizzare i compagni islamici ma piuttosto proporre momenti per rinsaldare l’amicizia tra i bambini.

Aprendo una parentesi sulle possibili reazioni, dai bambini più piccoli possiamo principalmente aspettarci pianto oppure silenzio. Il pianto, se è un pianto di dolore e non di paura, è una reazione giusta e normale per la morte di persone innocenti e va accolto: i bambini vanno consolati e rassicurati, ripetendogli che i terroristi sanno puniti. Se invece il bambino si chiude nel silenzio, è necessario valutare come muoversi. Il silenzio potrebbe essere dovuto al fatto che il bambino è soddisfatto delle spiegazioni ricevute oppure, al contrario, ad una difficoltà nel chiedere e porre ulteriori domande.

In questo secondo caso, come conseguenza, potrebbero presentarsi problemi durante il sonno (incubi o enuresi). Se dovesse accadere, la cosa migliore è creare un dialogo col bambino così che senta da parte dei genitori la disponibilità a parlare ancora dell’argomento.

Quando invece abbiamo di fronte bambini nella fascia delle scuole secondarie di primo grado (11-13 anni), le cose si complicano un pochino perché si aspettano delle spiegazioni. A questa età infatti i ragazzi non credono più in modo assoluto nel potere degli adulti: mentre prima credevano nell’onnipotenza dei genitori, adesso li mettono in discussione. Per questo è importante dir loro la verità e la gravità della situazione.

Con gli adolescenti è bene spiegare, cartina geografica alla mano, cosa sta accadendo nel modo più chiaro e preciso possibile, utilizzando magari anche articoli di giornale. Anche in questo caso, è bene ricordare che, vivendo in una società multiculturale, dobbiamo fare attenzione a quanto diciamo per evitare di creare stereotipi culturali che non portano da nessuna parte. Come per i bambini più piccoli, anche per i ragazzi è bene favorire momenti di scambio e conoscenza con ragazzi islamici perché se ci si conosce bene ci si sente amici e non nemici. Le scuole ormai sono multietniche e questi attentati mettono a dura prova la volontà di integrazione.

Per quanto riguarda le reazioni degli adolescenti, sarà probabile che i ragazzi si “chiudano nella propria stanza” e nel silenzio, come a voler elaborare quanto appreso. È importante che sappiano che i genitori sono disponibili ad aiutarli e a parlare dell’argomento per affrontare la loro paura.

Chiudo con le parole di Silvia Vegetti Finzi, docente di Psicologia all’Università di Pavia e psicoterapeuta per i problemi dell’infanzia che da bambina scampò alle persecuzioni naziste grazie ad una falsa identità: “Dobbiamo avere fiducia nella capacità dei nostri figli di superare anche questo momento, come hanno fatto altre generazioni prima di loro, in momenti anche peggiori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *