CONSULENZA PSICOLOGICA E PSICOTERAPIA

La psicoterapia è una forma di terapia basata sulla parola con cui si aiutano le persone che vivono delle difficoltà. Queste difficoltà possono esprimersi a livello individuale, di coppia (coniugale o genitoriale) o familiare.

A volte si tratta di momenti stressanti, a cui la persona non sa come farvi fronte, oppure di eventi traumatici che necessitano di aiuto per essere superati. Altre volte si tratta di problemi più specificatamente relazionali (conflitti di coppia, problemi lavorativi,…).

Grazie al percorso di psicoterapia, la persona è aiutata a guardare le situazioni da altre prospettive e in modo diverso.

 

 

 

Dott.ssa Elena Germani a Lodi, psicologa e psicoterapeuta

 

 

COME LAVORO

 

IL PRIMO CONTATTO TELEFONICO

Nel primo contatto telefonico chiedo alla persona di spiegarmi quale sia il problema per cui ha deciso di rivolgersi a me. In base al problema presentato e ad eventuali richieste specifiche, decidiamo insieme chi convocare per il primo colloquio: l’individuo, la coppia o la famiglia al completo.

 

 

 

DURATA E FREQUENZA DEI COLLOQUI

I colloqui hanno durata variabile: in genere 50 minuti circa per quelli individuali e di coppia e 90 minuti circa per quelli familiari. Per quanto riguarda la frequenza degli incontri, solitamente la cadenza è ogni 2/3 settimane.

In accordo alle norme del Codice Deontologico, i colloqui sono strettamente confidenziali e coperti dal segreto professionale.

È possibile, per chi ne avesse necessità, fare colloqui anche in lingua inglese.

 

LA FASE DI CONSULTAZIONE

La fase successiva al contatto telefonico è quella della Consultazione, che di norma prevede tre o quattro incontri per:

- conoscersi

- definire la problematica presentata ed esaminare il problema

- comprendere il sistema di relazioni importanti in cui è inserito il soggetto, la coppia o la famiglia

- capire quale sia il percorso migliore per affrontare il problema

- valutare lo stato psicologico del paziente

- valutare le risorse della persona e della famiglia

- individuare le aree di fragilità e problematicità

La consultazione termina con un parere e delle indicazioni sul quesito clinico posto ed eventualmente con la proposta di un percorso di psicoterapia.

Le ricerche cliniche hanno dimostrato che, per alcune situazioni, i pazienti traggono già beneficio dalla fase di Consultazione, senza che vi sia quindi la necessità di un percorso psicoterapeutico.

 

Dott.ssa Elena Germani a Lodi, psicologa e psicoterapeuta

LA PSICOTERAPIA

La psicoterapia è la fase successiva alla consultazione. Questa fase non è sempre necessaria. Ha il fine di comprendere e superare il disagio, trovando modi nuovi di vedere e affrontare le situazioni difficili e dolorose. Grazie al lavoro terapeutico si modifica la posizione del paziente nei suoi sistemi di appartenenza e, di conseguenza, le connessioni tra i vari livelli (in primis, familiare e sociale).

In questo modo la persona può vivere appieno e in modo soddisfacente la propria vita.

Frequenza e durata degli incontri sono i medesimi della fase di Consultazione. Col tempo, man mano che si raggiungono i miglioramenti desiderati, la frequenza delle sedute viene diradata.

Raggiunti gli obiettivi e terminato il percorso, sono solita fissare un paio di incontri a distanza di 3-4 mesi per monitorare la situazione e i cambiamenti.

Dott.ssa Elena Germani a Lodi, psicologa e psicoterapeuta
Dottoressa Elena Germani Consulenza Psicologica Individuale e di Coppia a Lodi

LA TERAPIA INDIVIDUALE

Le terapie individuali sono dei percorsi in cui la persona comprende e affronta le problematiche che le generano sofferenza, insoddisfazione e rendono difficile la sua quotidianità.

Le difficoltà a livello individuale più frequenti sono:

- Disturbi rientranti nella sfera ansiosa: stati d’ansia, ansia generalizzata, angoscia, fobie, attacchi di panico, difficoltà del sonno

- Disturbi rientranti nella sfera alimentare: anoressia, bulimia, obesità, binge eating

- Disturbi dell’umore: depressione, alternanza di momenti di euforia e di profonda tristezza

- Gestione di eventi tragici o stressanti: malattie, lutti, separazioni/divorzi, perdita del lavoro, trasferimenti

- Disturbi nell’area relazionale: gelosia, tradimenti, separazioni/divorzi, difficoltà nei rapporti sentimentali e interpersonali

- Disturbi sessuali

- Difficoltà nella gestione dei figli e sostegno alla genitorialità

 

 

 

LA TERAPIA DI COPPIA

Col termine “coppia” mi riferisco non solo alle coppie coniugali (due partner) ma anche alle coppie genitoriali.

Nel primo caso, le terapie di coppia sono rivolte a chi vive difficoltà con il proprio partner. Col lavoro terapeutico, si va alla comprensione e risoluzione delle dinamiche che portano a liti e fraintendimenti, causando insoddisfazione nel rapporto. È bene specificare che con la terapia di coppia non si individuano torti e ragioni. Il terapeuta non ha funzione di giudice che decide di chi sia la colpa. L’obiettivo di fondo è individuare le situazioni che portano malessere e modificarle.

Il lavoro con le coppie genitoriali invece è solitamente motivato da problematiche relative ai figli e alla loro gestione.

Le motivazioni per cui le coppie (coniugali o genitoriali) intraprendono una terapia possono essere:

- Liti frequenti

- Difficoltà comunicative

- Problematicità e attriti con le famiglie d’origine

- Difficoltà sessuali

- Difficoltà a gestire eventi stressanti (malattie, uscita di casa dei figli, nascita di un figlio con problemi)

- Problematiche legate al concepimento e all’infertilità

- Tradimenti

- Problematicità nella gestione dei figli

- Difficoltà rispetto agli obiettivi educativi dei figli

 

 

 

 

Dottoressa Elena Germani Consulenza Psicologica di Coppia e familiare a Lodi

 

 

LA TERAPIA FAMILIARE

Le terapie familiari sono richieste quando nella famiglia vi è la consapevolezza che il malessere sperimentato da un componente alimenta dinamiche disfunzionali interne alla famiglia e, al tempo stesso, è da queste alimentato. Ogni membro della famiglia ha quindi un ruolo attivo nel percorso terapeutico, partecipando alla comprensione e alla risoluzione del problema.

 

 

Dottoressa Elena Germani Consulenza Psicologica di Coppia e familiare a Lodi

IL MIO APPROCCIO TEORICO DI RIFERIMENTO

 

Mi sono formata all’interno dell’approccio sistemico-relazionale e mi rifaccio al modello sistemico-connessionista. Questo approccio presta attenzione da un lato alla dimensione individuale della persona e dall’altro alle relazioni che fanno parte della sua vita. La comprensione del problema dell’individuo è basata sulla comprensione delle dinamiche relazionali all’interno della coppia, della famiglia e dei contesti di vita della persona.

In quest’ottica, “quello che un osservatore esterno chiama comportamento patologico, bizzarro o inatteso è il mezzo con cui la persona cerca di definire e mantenere le proprie relazioni di appartenenza. Quindi il comportamento patologico ha un significato pertinente, benché doloroso, nella storia del paziente”.

Comprendere questo significato, indagare la storia del paziente e le sue relazioni di appartenenza sono obiettivi del lavoro terapeutico.

Per il modello sistemico-connessionista “la mente è l’esito del processo di interconnessione tra gli individui vincolati da contesti via via più complessi e gerarchicamente interconnessi (livello familiare, livello sociale, livello macroculturale e religioso, livello politico)”.

La psicoterapia è quindi “il percorso di conoscenza che consente di comprendere a che livello di interconnessioni il comportamento patologico si incastri nel contesto in cui si esprime” (Gandolfi M., Psicoterapia – Manuale di tessitura del cambiamento).

 

 

Dottoressa Elena Germani psicoterapia Individuale e di Coppia a Lodi

 

 

 

 

Non esitate a chiedere un consulto, soprattutto quando:

  1. il vostro malessere interferisce con le vostre attività quotidiane (lavoro, vita sociale e affettiva,…)
  2. i problemi non si sono risolti nonostantne abbiate parlato con familiari e amici
  3. i problemi non si sono risolti nemmeno consultando il medico o altri specialisti

 

COME LAVORO CON I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI

Quando il motivo del contatto è relativo a un bambino o a un adolescente, solitamente fisso un incontro iniziale solo con i genitori, per approfondire il problema e i contesti relazionali (familiare, scolastico e sociale) di appartenenza del figlio e per il disbrigo delle formalità burocratiche. In un secondo momento coinvolgo anche i minori.

Nel caso di bambini le tecniche utilizzate durante i colloqui sono adeguate all’età del minore: gioco, disegno, costruzioni,... Al temine del percorso di valutazione e di consultazione, svolgo di nuovo un colloquio solo coi genitori per la restituzione di quanto emerso e della eventuale proposta terapeutica migliore.

Le motivazioni per cui più spesso è chiesta una consulenza per bambini e adolescenti sono diverse, anche in considerazione del fatto che queste due fasi di vita hanno caratteristiche molto diverse.

 

Posso aiutarti se il tuo bambino presenta:

  1. problemi della sfera alimentare: sovrappeso, obesità, alimentazione selettiva
  2. problemi del sonno: difficoltà di addormentamento, incubi, risvegli notturni
  3. paure e fobie: ansia da separazione, paura di andare a scuola, paura di perdere una persona cara, paura del buio, paura di animali
  4. enuresi o encopresi
  5. problemi del comportamento: gelosie conseguenti alla nascita di un fratellino o una sorellina, disattenzione, iperattività, manifestazioni aggressive
  6. difficoltà a livello scolastico e difficoltà di apprendimento
  7. difficoltà conseguenti a situazioni di separazione della coppia genitoriale o all’accettazione della costituzione di una nuova famiglia a seguito di una separazione
  8. problemi conseguenti a situazioni di malattia grave o morte di un genitore o di un’altra persona importante per il bambino

 

Posso aiutarti se tuo figlio adolescente o preadolescente manifesta:

  1. disturbi della sfera alimentare (anoressia, bulimia, sovrappeso, binge eating)
  2. disturbi della sfera ansiosa (ansia generalizzata, angoscia, fobie, attacchi di panico, difficoltà del sonno)
  3. dubbi legati al proprio progetto di vita e alla propria identità
  4. disagi legati al proprio corpo in trasformazione
  5. difficoltà legate alla propria identità sessuale
  6. difficoltà nella gestione della rabbia
  7. disagi e difficoltà nella relazione coi coetanei
  8. problemi legati all’ambito scolastico
  9. problemi e tensioni nel rapporto coi genitori
  10. difficoltà a gestire e superare eventi traumatici accaduti o eventi stressanti (lutti, malattie, bocciature scolastiche,...)
Dottoressa Elena Germani psicoterapia Individuale e di Coppia a Lodi
Se vuoi maggiori chiarimenti sulle mie attività, se hai una richiesta o se vuoi prendere un appuntamento, compila il form!
Cercherò di rispondere il prima possibile!